Storia

L’atto di nascita del Mosé risale all’11 maggio 1938, data del Regio decreto che istituisce in varie città italiane, tra cui Monza, “…presso i Regi Istituti Tecnici inferiori le sezioni commerciali ad indirizzo amministrativo…”.
immagine nel testoIl nome viene scelto da un Collegio di insegnanti. L’istituto viene intitolato al pittore e insegnante monzese (1840-1904), garibaldino nel ’59,che nei suoi dipinti predilesse soggetti di natura storica e accademica. 
Nel 1941 il Mosé è in piena crescita,inserendosi nel tessuto cittadino e nell’intera area della Brianza, ampliando sempre più il suo bacino di utenza. La guerra non ha fortunatamente gravi conseguenze, se non un lieve calo d’attività e lo sgombero, di breve durata, della vecchia” sede (foto) per motivi logistici.

Negli anni ’50, nel periodo della ricostruzione, sia dietro i grandi stabilimenti che riprendono l’ attività sia dietro la miriade di nuove imprese che spuntano ovunque a Milano e in Brianza si affaccia la figura di un ragioniere che, 9 volte su 10, proviene dal Mosé, segnando così il successo della scuola monzese.

Nel 1953 si amplia con l’istituzione aggiuntiva dell’Istituto Tecnico per Geometri; si caratterizza subito come scuola madre per tutto il territorio circostante, nel quale vengono disseminate sezioni staccate che produrranno le numerose presenze oggi esistenti di Istituti Tecnici per ragionieri e geometri (ad esempio in Sesto San Giovanni; a Lissone, nella stessa Monza con l’Istituto Mapelli).

La dotazione tecnica e scientifica dell’Istituto tuto é di considerevole rilievo e va completandosi con le più moderne apparecchiature dell’epoca. A causa del boom demografico ed economico di quegli anni il Mosé cresce notevolmente e nel 1954 nasce ufficialmente il corso geometri.

L’attività dei corsi di informatica gestionale, nati negli anni sessanta come corsi sperimentali, si concretizzano nel decennio successivo come indirizzo di ragionieri programmatori all’interno dell’offerta formativa ordinaria della scuola.
immagine nel testoAlla fine degli anni sessanta l’immagine del “Mosè” ed il boom della scolarizzazione, legato all’innalzamento dell’obbligo scolastico a 14 anni, ben presto riempiono, anzi travolgono l’edificio e rigonfiano le sezioni staccate programmate da un’accorta politica della distribuzione scolastica in Brianza: si aprono gli Istituto di Sesto, Vimercate, Seregno, Cologno, Lissone, Trezzo.
In questi anni per i corsi serali comincia una azione didattica che nel tempo li farà essere tra i più consistenti centri di educazione degli adulti (E.d.A.)
Trovano collocazione nell’edificio il bar e la mensa: a tutt’oggi il “Mosè” è ancora l’unico Istituto superiore statale monzese ad avere una mensa interna.

Il mutamento gestionale introdotto dai decreti delegati, le dimensioni ciclopiche dell’Istituto, il periodo storico dal clima pesante della “contestazione” creano una situazione di fatica gestionale che i presidi di ruolo cercano di evitare: dal 1976 al 1985 a capo dell’Istituto non ci saranno più Presidi di ruolo.

Nell’anno 1985 il “Mosè” si presentava con 2500 alunni per 98 classi distribuite oltre che nella sede, anche in due succursali, in una sezione staccata e nei corsi serali; i professori erano 250; l’edificio non poteva più assicurare spazi per i laboratori e attività aperte al territorio.
Si rendeva necessario decongestionare le strutture e ricondurle alla possibilità di svolgere una didattica adeguata: l’arrivo di un Preside di ruolo nella persona del Prof. Mario Marcante, ha avviato questo processo. Nel breve arco di due anni si è giunti allo sdoppiamento dell’Istituto con la costituzione dell’Istituto per ragionieri e geometri “Mapelli” che raccoglieva le tre succursali e la sezione staccata per circa 1000 studenti.

Al “Mosè” restavano 41 classi diurne di ragionieri, programmatori e geometri e 18 classi serali di ragionieri e geometri, con 130 insegnanti. Questo sdoppiamento, con gli altri di quell’anno, fu l’inizio del processo di razionalizzazione della distribuzione delle strutture scolastiche in tutto il Provveditorato di Milano, ponendo le norme giuridiche e sindacali per quanto in seguito si sarebbe sviluppato fino ai giorni nostri.

Da allora,le presenze si sono ridimensionate a circa 1500 studenti. Sono così riemersi gli spazi per aule speciali e laboratori, sono scomparse le sezioni staccate e i doppi turni, il bacino di utenza si è notevolmente rimpicciolito. Tuttavia, si sono sviluppati i rapporti con gli enti locali, con imprese e banche e con associazioni professionali. Il Mosé ha inoltre partecipato a un progetto didattico europeo, che ha permesso l’ incontro con insegnanti di altri paesi UE, proprio nel nostro istituto, nel 1986, avvenuto all’ insegna della collaborazione e della stima che per più di cinquant’anni hanno animato il Mosé.
immagine nel testoLa globalizzazione negli ultimi tempi ha posto alla scuola, come a tutti i settori dell’economia, molte sfide che richiedono un’attenta lettura della realtà sociale ed economica nella quale si opera se si vuol essere veramente capaci di formazione.
In quest’ottica è nata l’esigenza di aprire il Liceo Linguistico che veda le lingue come asse portante ma che non escluda la possibilità di caratterizzare l’indirizzo in ordine all’approfondimento del Diritto e dell’Economia Aziendale utilizzando il 20% del monte ore come consente la legge dell’autonomia scolastica.
Per aderire alle richieste del territorio si individueranno tra le lingue oggetto di studio certamente l’inglese, il francese, il tedesco o lo spagnolo ma, se la richiesta del territorio si indirizza verso lo studio di qualche lingua orientale, non sarà escluso che anche questo cammino possa essere percorso.

Il Collegio Docenti dell’Istituto Tecnico “Mosè Bianchi” ha proposto con entusiasmo questa iniziativa che il Dirigente Scolastico ha fatto subito sua impegnandosi nella realizzazione, prendendo ripetuti contatti con gli organi superiori, assicuradoli della perfetta agibilità della nostra scuola, data la presenza di spazi adeguati e di laboratori linguistici di prim’ordine.
Per queste ragioni dall’anno scolastico 2008/2009 l’Istituto ha modificato la sua denominazione in Istituto Statale di Istruzione Superiore.